Lettera aperta a Patricia Cornwell

5 Dic

Mia cara ex amata Patricia, alias Kay Scarpetta, sono a pagina 50 circa della tua nuova fatica e perdonami ma temo che subirai un abbandono o quantomeno una lettura random. Ora è assodato che tu sia la più grande e brava anatomopatologa forense d’America e forse ancche del mondo, ti sei resa conto vero che una forma di precoce demenza senile si sta prepotentemente frapponendo fra te e noi, i tuoi affezionati lettori? Ti abbiamo perdonato praticamente di tutto, finte morti, nipoti sociopatiche che ti hanno abbandonata ingannata e dio solo sa cos’altro; abbiamo sopportato pazientemente il contratto che avevi sottoscritto con Apple – non si spiega altrimenti – e la conseguente presenza di un I-qualcosa (phone pad pod eccetera). abiamo cercato di soprassedere sul fatto che da quando pesavi cuori fegati e cervelli come il buon vecchio Quincy, adesso più che in sala autoptica sembra di entrare in una navicella spaziale con relative spiegazioni che molti di noi, ahimé non laureati in chimica fisica medicina e ingegneria, accettiamo sullla fiducia. Ma arriviamo al ma. Ti sei trasferita nella villa vicina al CFC da almeno tre romanzi e da altrettanti hai un cane. Abbiamo capito che hai la cucina piena di elettrodomestici in acciaio e un frigo che potrebbe contenere due o tre buoi, conosciamo a memoria ogni intarsio dei vetri piombati e colorati del pianterreno del mezzanino e ogni singola pianta che hai in giardino, sappiamo che il tuo levriero vive appiccicato a te, e questo agli amanti degli animali provoca dei brividi brutti, descrivi delle scene madri penasndo che ogni mattina tu vada al lavoro. Esci a fargli fare la pupù ARMATA. Renditi conto che non si può, non ha nessun senso, siamo oltre il bene e il male. Ma la cosa più tremenda, oltre alle tue ricette italiane – per la cronaca sappi che se Carlo Cracco le leggesse non lo salverebbero nemmeno quelli di ER – è che non puoi, proprio non puoi dirmi che ti stai mettendo gli scarponcini, che dopo l’ultimo utilizzo hai disinfettato (testuale) con un detergente apposito. Dai  abbi pietà di noi. Poi ti faccio sapere se riesco a finirlo, ma ti prego ti prego ti prego, fatti vedere da uno bravo nel frattempo. Con affetto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dicembre: 2014
L M M G V S D
« Ago   Giu »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
sconsigliletterari

e scelti CONSIGLI. Dai libri all'Indice ai libri al Medio (@libri_al_MEDIO): digitus impudicus. Se l'inverno delle lettere viene, può la primavera essere lontana? (sem.cit. Shelley)

sonoaliena

Quando siete felici, fateci caso (Kurt Vonnegut)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

aurelioraiola

(no, non è uno scioglilingua)

Gli incroci della Zanca

Ogni giorno incrociamo le vite degli altri: riconoscersi e guardarsi con interesse

Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

massimocassani - i romanzi

Di verbi, sostantivi e pochi avverbi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: