Cuccioli da salvare e da amare – de Giovanni fa centro un’altra volta

22 Nov

downloadDomani 23 novembre, esce il nuovo romanzo di deGio – consentitemi di chiamarlo così – e ancora una volta stupisce, non per la trama gialla che è perfettamente costruita,  ma per come riesce a scrivere qualcosa di sempre nuovo pur restando fedele a se stesso e al suo particolarissimo modo di scrivere. Ad ogni romanzo, Cuccioli è il quarto romanzo con gli stessi protagonisti, aggiunge qualcosa ai protagonisti, gli mette addosso i giorni che passano e che inevitabilmente cambiano le persone.  E’ incredibilmente in grado di approfondire il carattere e le vicende, di ogni di ogni personaggio focalizzando di volta in volta l’attenzione, mediante un complesso gioco di assegnazione degli incarichi, su una coppia che diventa protagonista. L’incredibile è che quando hai finito il romanzo, ti accorgi che in realtà ha fatto progredire la storia di ognuno; tutti, cattivi compresi. E’ un caleidoscopio di emozioni fatti e atti che alla fine ti fa quasi credere si tratti di persone e non di fiction, perché de Giovanni lavora sempre su più piani, e non c’è verso anche quando decide di sfoderare il giallista, i suoi romanzi sono intrisi di un’umanità palpabile. Certamente non è l’unico autore che lo fa, ma come altri grandi della letteratura contemporanea, ha creato dei personaggi che sono ormai degli amici. Cuccioli concentra l’attenzione su Romano. Hulk per i Bastardi, che sta cercando di non cedere alla tentazione di lasciarsi abbruttire dal dolore della separazione, il destino lo aiuta mettendo sulla sua strada un fagottino abbandonato vicino ai cassonetti. E qualcosa scatta, l’istinto a proteggere quella bambina così piccola e così disperatamente in pericolo di vita, va da se che tutti i Bastardi, chi per un motivo chi per l’altro, mettono l’anima nella ricerca della madre e/o di chi ha abbandonato la bambina. e se si potesse si salterebbe anche dal divano di casa per correre ad abbracciare quel minuscolo esserino. Un bambino cambia la vita, e Giorgia, questo il nome che Romano decide di dare alla piccola, cambia ognuno dei poliziotti di Pizzofalcone. A fronte di un cucciolo umano trovato, un altro cucciolo, il cagnolino Artù, scompare. E’ di un bimbo, che chiede aiuto ad Aragona. Di nascosto, vergognadosi di aver ceduto a una richiesta non esattamente congrua al lavoro di polizia, Aragona si mette alla ricerca del cagnolino “sorvegliato” per fortuna dal Presidente, che abbandona almeno in parte le sue indagini sui suicidi. In autunno i romanzi che vedono protagonisti i poliziotti di Pizzofalcone, ce li potremo godere anche in tv, con uno strepitoso cast, sì ormai è notizia non nuova, ma Gassmann Lojacono io mi sento di ricordarvelo

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

novembre: 2015
L M M G V S D
« Lug   Feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  
sconsigliletterari

e scelti CONSIGLI. Dai libri all'Indice ai libri al Medio (@libri_al_MEDIO): digitus impudicus. Se l'inverno delle lettere viene, può la primavera essere lontana? (sem.cit. Shelley)

sonoaliena

Quando siete felici, fateci caso (Kurt Vonnegut)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

aurelioraiola

(no, non è uno scioglilingua)

Gli incroci della Zanca

Ogni giorno incrociamo le vite degli altri: riconoscersi e guardarsi con interesse

Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

massimocassani - i romanzi

Di verbi, sostantivi e pochi avverbi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: