Voglia di leggere? Serviti

3 Feb

Un romanzo cattivo, non perché succedano cose strabilianti, poco più poco meno è 584-large_defaultuna realtà che conosciamo quella che ci racconta Bastasi, il punto è come ce lo racconta.  Spietato è la parola che meglio descrive a mio parere questo romanzo. Sottolineo questo, perché parliamo di un autore versatile, capace di provare e trasmettere empatia e lo ha dimostrato nei suoi precedenti lavori, la scelta stavolta è stata di tenersi al di fuori. La storia di un uomo qualunque, Massimo Gerosa, che vuole fortissimamente vuole diventare “qualcuno”, e ce la fa; ci riesce nel modo in cui ci riescono tutti, calpestando tutto e tutti, senza guardare in faccia nessuno. Ma come raccontano i proverbi c’è sempre qualcuno che al mattino si sveglia prima di te e qualcuno si è svegliato anche prima di Gerosa, e userà lui come lui ha fatto con gli altri. Una storia di degrado morale che si estende dal privato di Massimo al pubblico, con la descrizione precisa di come la politica, tutta senza esclusioni, sia in grado di manipolare la gente, soprattutto quella animata da principi basici, mors tua vita mea per intenderci. A detta dell’autore – ma non cercatela in rete questa cosa perché viene da una conversazione – non c’è una morale predefinita o intenzionale, io ce l’ho trovata comunque, ognuno è artefice del proprio destino, e nessuno è tanto potente da sfuggire al destino che le stelle hanno disegnato per lui. Quindi se avete voglia di una storia con cui sporcarvi le mani, in cui potete trovare tutti i responsabili che volete, colpevoli per ogni schifezza che vediamo ogni giorno; se se cercate un romanzo scritto bene, nel senso letterale, e soprattutto se vi piacciono i bei libri, Era la Milano da bere è quello che fa per voi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

febbraio: 2016
L M M G V S D
« Nov   Apr »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
29  
sconsigliletterari

e scelti CONSIGLI. Dai libri all'Indice ai libri al Medio (@libri_al_MEDIO): digitus impudicus. Se l'inverno delle lettere viene, può la primavera essere lontana? (sem.cit. Shelley)

sonoaliena

Quando siete felici, fateci caso (Kurt Vonnegut)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

aurelioraiola

(no, non è uno scioglilingua)

Gli incroci della Zanca

Ogni giorno incrociamo le vite degli altri: riconoscersi e guardarsi con interesse

Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

massimocassani - i romanzi

Di verbi, sostantivi e pochi avverbi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: