BCM17 – di libri autori e incontri – Tanto giallo e tanto noir – parte 1

Va da sè che l’unico requisito indispensabile per godersi a pieno BookCity, sarebbe l’ubiquità, mi dicono però non essere qualità nelle disponibilità di alcuno. Io per una volta, a malincuore ho escluso le decine di eventi a carattere generale – e credetemi sulla parola c’erano davvero eventi per tutti i gusti, presentazioni incontri tavole rotonde conferenze e chi più ne ha più ne metta – per concentrarmi sul genere che mi appartiene forse più degli altri, o perlomeno quello in cui la competenza non mi manca (e se vi sembro presuntuosa non è un problema mio). Quindi mi sono concentrata sul Giallo e il noir. A onor del vero qualche dubbio sull’ubiquità mi è venuto, o perlomeno che qualche autore/relatore, abbia dei superpoteri, ma questa è un’altra storia. Ho selezionato pochi incontri, quasi tutti tenutisi a Palazzo Morando, ho iniziato con la presentazione di Le sorelle Sciacallo della Vallorani, introdotta e affiancata da Elena Mearini e Carlo Lucarelli interessante incontro in cui è tornata prepotente Tecla Dozio (che evidentemente è ancora ben salda al suo posto di Signora del giallo, nel cuore di tutti). del libro ve ne parlerò ovviamente quando lo leggerò (e non fate dello spirito sui tempi). Però se lo consiglia Lucarelli, fossi in voi un pensierino ce lo farei. A seguire la presentazione di Le notti nere di Praga,(Davide Mosca – Mondadori) un divertente “giallo” che vede protagonista nientemeno che Kafka. La relatrice Cristina Aicardi, anima di MilanoNera, lo ha consigliato, e io, sempre in attesa di leggerlo, lo consiglio a voi. Per i #deGiovanners più distratti, più distratti, sulla pagina facebook di questo blog, trovate tre minuti di Souvenir, sì cari, un regalo che Maurizio ha fatto ai presenti al Parenti, dove in realtà si è parlato del commissario Ricciardi a fumetti, direi che Bonelli Editore ha fatto un gran lavoro. Non perdetevi il prossimo articolo, vi racconterò di Malvaldi Manzini Robecchi e di cosa hanno raccontato

Annunci

In attesa dei Bastardi, quello che non vi ho detto di Rondini d’inverno (occhio allo spoiler)

Ne avevo parlato dicendovi poche cose, avevo bisogno di assimilare le mille cose che ci sono in Rondini d’inverno, lasciando da parte i colpi di scena nella vita del commissario dagli occhi verdi, lasciando da parte lo strazio del dottor Modo e di Maione che si fondono in un’unica storia, sia pur per ragioni diverse, vorrei concentrarmi su un particolare che per me è stato scioccante. I collegamenti mentali che trovate di seguito, sono ovviamente frutto della mia mente che tanto a bolla non è ed è cosa nota, ma ovviamente i commenti sono aperti sia al confronto (qui o sulla pagina FB è uguale), sia con chi legge, sia eventualmente de Giovanni che se vuole può dichiarare pubblicamente la mia follia. Non so voi, ma io mi sono chiesta da quando è iniziato il ciclo delle canzoni – Con Anime di vetro proseguito con Serenata senza nome- chi fossero il vecchio e il ragazzo, era come se non riuscissi a farli incontrare con le Storie che stavo leggendo. Un po’ come quando guardi un quadro di Escher. Leggendo Sipario alla fine, il mistero viene svelato e lì è partito il tour mentale che mi ha “sconvolta”. Il mio adorato Maurizio mi ha perculata senza che io minimamente me ne rendessi conto. va da sè che il pensiero mi è volato come una rondine impazzita ai Guardiani, al tempo che non c’è, o meglio che è conseguenza di sè stesso. Al fatto che le Storie, quando sono frutto di una mente geniale, possono davvero trasportarti in qualunque punto dello spazio e del tempo senza che tu, viaggiatore anche sgamato se vogliamo, sia preso per mano e portato ad accettare le circonvoluzioni del mondo in cui ti stai lasciando andare. Ecco, son riuscita anche a contenere lo spoiler. A presto prestissimo, intanto per chi non l’avesse letta, vi lascio il link della recensione “vera”, che qui si sa, lascio volare i pensieri 😉 Ci vediamo a Bookcity2017

“Negli occhi di chi guarda” ci sono un sacco di cose

Ce lo racconta Marco Malvaldi nel romanzo pubblicato come sempre da Sellerio. No niente vecchietti e niente Bar Lume, ritroviamo invece la filologa Margherita e il genetista Pazzi. Ve li ricordate? Sono i due che in Milioni di milioni si incontravano a Montesodi Marittimo per uno studio sugli abitanti (noti per avere tutti una forza fisica fuori dall’ordinario) per poi finire a cercare l’assassino (ovvio che ci fosse un morto, leggiamo o non leggiamo gialli?) per potersi scagionare. Cioè solo Piergiorgio a dire il vero, è l’unico senza alibi, ma l’aiuto della Castelli è fondamentale. Vabbè ciancio alle bande, stavolta i due sono in una meravigliosa tenuta, sempre in Toscana, i proprietari sono due gemelli omozigoti (e questo spiega la presenza di Pazzi) e uno dei due ha una ricchissima e particolare collezione d’arte (e questo spiega la presenza di Margherita). Quel che succede ve lo leggete, io vi dico perché leggerlo. Perché prendere un libro di Malvaldi è come leggere l’Oscar Wilde de L’importanza di chiamarsi Ernesto, con una grossa collaborazione di P.G. Wodehouse. Un giocoliere uno che con le parole ci si diverte proprio, e si sente. Si ride, si ride molto, na se con le parole è facile fare dei calembour divertenti, non lo è altrettanto costruire una trama che tenga, e garantisco che tiene, mischiare le carte e aggiungere per sovrappiù tutta una serie di informazioni o nozioni chiamatele come volete, senza le quali risolvere il “mistero” sarebbe difficile. Aggiungete la giusta quantità di sense of humor, che Malvaldi non ci fa mai mancare (a volte sospetto che per una battuta ucciderebbe la mamma come suol dirsi), e avrete il piatto perfetto.

7 parti di Calvados 3 di Drambuie e una fettina di mela verde…L’alligatore è servito

Avete presente quando esce un romanzo “seriale”? Lo compri lo sfogli (sì anche col reader, pignoli che siete) e poi ti metti comodo e te lo pregusti. Conosci i personaggi che ti stanno aspettando, ami le atmosfere che l’autore sa creare. Lo inizi e capisci dalle prime righe che c’è qualcosa di diverso, i nostri vecchi cuori fuorilegge sono sotto scacco e la partita si preannuncia sporca per davvero. Vabbè per la trama lasciamo stare che tanto la trovate ovunque, parliamo invece di quello che Carlotto ha messo in questo romanzo. Forse è il blues che permea ogni riga, il blues è mettere in musica la tristezza, il dolore la rassegnazione di chi sa come stanno le cose ma non per questo rinuncia a tentare, se necessario anche andando a braccetto con l’illegalità; guidati dalla propria coscienza valutando solo gli estremi per la propria salvaguardia (fisica e mentale), consapevoli che la legge si può aggirare in tanti modi, a maggior ragione da chi la amministra o è preposto alla sua applicazione. Consci che il filo del rasoio su cui si procede, può tagliare di netto, come una novella Atropo, uno qualsiasi dei fili che compongono la trama. Ed è esattamente quello che fanno Massimo Buratti Beniamino Rossini e Max la memoria. Sono cuori fuorilegge e non li turba, anzi, ne sono – opinione personale – giustamente orgogliosi. Hanno delle regole, potremmo riassumerle con un salomonico “chi sbaglia paga e i cocci sono suoi”. Qui più che in ogni altro romanzo della serie a mio parere, Carlotto si è adeguato ad un modo di dire, andare ai resti, cioè arrivare in fondo, senza sconti per nessuno. E altroché se si va ai resti, il lettore con i tre antieroi che poi forse in fondo…Occhio, non sto dicendo che l’autore faccia di tre delinquenti (chi più chi meno) degli eroi, è ben chiaro quello che sono ma è altrettanto ben chiaro che stabilire quale sia la parte “giusta”, è cosa davvero difficile. C’è un unico particolare che non posso perdonare all’autore, ma questa è un’altra storia

Un titolo carino e Tecla Dozio è di nuovo qui fra noi

Immagino che il nome di Tecla sia ben presente nella mente di chiunque frequenti il giallo, la sua Sherlockiana è stata un punto di riferimento di quelli fondamentali. Poco più di un anno fa Tecla ci ha lasciato, solo fisicamente mi sentirei di dire, perché di lei si parla si ricordano aneddoti, frasi lapidarie, il suo carattere tutt’altro che accomodante. Grazie al Sistema Bibliotecario di Milano, questo delizioso libretto, pubblicato nel 2009 da Marcos y Marcos, è tornato in giro in formato digitale, e meno male devo dire. Un gioco, uno scherzo, più probabilmente un atto d’amore. La trama è una divertente indagine che vede contrapposti tre schieramenti, il gotha della letteratura gialla italiana, quello della letteratura straniera e la polizia che deve indagare sull’omicidio della stessa Tecla, avvelenata durante la festa per i dieci anni della libreria. Ci sono tutti ma proprio tutti, Camilleri Lucarelli Colaprico Pinketts la Vallorani Carlo Oliva Biondillo Roversi Faletti e anche quelli che sto dimenticando, non sanno che ad un certo punto arriveranno anche Deaver la George Connelly Fred Vargas Lansdale la Rendell Mankell e chi più ne ha più ne metta. Ahimé, prima che la nutrita schiera degli stranieri irrompa in libreria, al momento di servire il mitico risotto, qualcuno versa del cianuro nel bicchiere della libraia e lei non saprà mai quanto sarebbe stata bella la sua festa. Non è un giallo tradizionale perché dell’assassino (che a onor del vero è un tipo parecchio strano), del come e del perché noi sappiamo tutto da subito, generalità lavoro e quant’altro. Non lo sa la polizia però, e certamente gli amici non si arrendono a sapere impunito l’autore di un tale obbrobrio. Dunque cos’ha di così particolare? Forse nulla per chi non abbia “familiarità” con l’ambiente o non abbia conosciuto Tecla, moltissimo per chi invece l’abbia conosciuta amata e “conosca” i protagonisti.Un audiolibro praticamente, sentivo il vocione grave di Camilleri, il tono sempre velato di ironia di Faletti, la calma olimpica di Lucarelli. Un divertissment, 129 pagine di amore per le più grandi voci gialle, per Tecla e chi l’ha amata. Cosa che non fa mai male, è anche scritto molto bene.
Assassinio in libreria
Lello Gurrado
Editore: Marcos y Marcos
Collana: MarcosUltra
Anno edizione: 2009
Pagine: 204 p., Brossura
EAN: 9788871685083

Chi ama i riflettori e chi invece sceglie il buio – Ovvero La scelta del buio di Pulixi

Questa non è una recensione, quella uscirà su Mangialibri (che io fra l’altro vi consiglio di seguire perché una decina di recensioni al giorno, interviste, specialoni eccetera sono tanta roba), diciamo una riflessione su un romanzo che va oltre il bello e un autore che va oltre il bravo. Di Piergiorgio Pulixi ho già parlato poco tempo fa, raccontandovi L’ira di Venere, una raccolta di racconti in cui questo signore dimostra come si possa ancora parlare di donne in modo diverso, con una sensibilità che ce l’avessero le tante donne che sento parlare di donne, il genere femminile governerebbe il mondo. Qui, nel romanzo che vede il ritorno di Vito Strega facciamo un ulteriore passo avanti. Tecnicamente si suppone che dopo 8 romanzi, di cui cinque con un personaggio seriale (biagio Mazzeo) innumerevoli raccolte di racconti e molto altro, uno scrittore abbia trovato il suo stile e vi si attenga, ma qui salta fuori la marcia in più. Pulixi ha fatto un ulteriore passo avanti nella scrittura, nei dialoghi; si percepisce la crescita, lo studio. In alcune interviste ho trovato raccontato il percorso che lo ha portato qui, si può dire che ha letteralmente assorbito tutto quello che poteva dal Maestro Carlotto dai colleghi del Collettivo Sabot e dalle (migliaia, quante?) di libri letti. Un personaggio simile a tanti altri, in fin dei conti il cliché non è difficile, un uomo solo, con quello che si definisce “un passato”, sguardo magnetico e una dolcezza infinita ben nascosta. Ecco dove si vede la bravura, se non avessi paura di esagerare direi addirittura il genio. Lo stesso stereotipo che ritroviamo quasi in ogni preteso giallo o noir che dir si voglia, solo in pochi (e parliamo di tre o quattro) autori, riescono a farlo diventare personaggio a se stante, completamente diverso dai suoi omologhi. Strega ha un passato, ha un peso notevole sul cuore, ha paura di far male ma non si ferma fino a che la verità non emerge in tutto il suo squallore. Come capita a Schiavone a Ricciardi a Lojacono (no, Montalbano è sui generis è proprio diverso come impostazione) e pochi altri, pur avendo queste, chiamiamole basi comuni, riescono ad essere completamente diversi l’uno dall’altro. E questo credetemi, è solo questione di bravura. Ottima la concezione del giallo in se, trama perfetta senza sbavature, a Pulixi va riconosciuto un altro merito. In un momento in cui i neri sono un facile bersaglio, il suo commissario mulatto, riesce a farsi amare incondizionatamente, da nord a sud, da est a ovest, e facendo una mezza citazione, isole comprese. Lunga vita a Strega, e davvero grazie a Pulixi.

L’importanza di “sti cazzi” – Antonio Manzini docet

Ammettiamolo, quelli che sostengono l’esistenza di una differenza sostanziale fra nord e sud, in fondo hanno ragione. Ce lo spiega Antonio Manzini nella sua ultima fatica (e non la chiamo fatica a caso ma ne parliamo poi); alzi la mano chi, vivendo a nord di Firenze, davanti a qualcosa di speciale, un gol spettacolare una vincita milionaria o che ne so, non ha esclamato “sti cazzi”. Tutti; e alzi la mano chi essendo di Roma o comunque laziale, non ha provato l’impulso omicida. Tutta ‘sta premessa per dire che quando ho finito Pulvis et umbra, ho esclamato “me cojoni” (che è l’espressione giusta per indicare meraviglia stupore e ammirazione). Dopo 7/7/2007 non avevo idea di cosa potesse inventarsi, mi aspettavo un romanzo bello, perché Manzini è uno di quelli che entrerà nella Storia, volendo potrei farvi i nomi degli altri scrittori che verranno studiati ma li sapete, certamente non mi aspettavo una botta del genere. In questi casi l’unica cosa che ti auguri è che non ci sia niente di autobiografico, ma è evidente che anche l’autore come tutti noi, ha provato almeno una volta sulla sua pelle quello che racconta. Si è inventato una storia che è cattivissima e allo stesso tempo di una dolcezza indescrivibile, ha messo a nudo quell’anima che credevamo di avere visto nel romanzo precedente. Le persone (e badate che non uso personaggi ma persone), cambiano, cambiano perché accadono delle cose, perché invecchiano, perché le ferite si rimarginano, perché arrivati ad un certo punto bisogna prendere coscienza di sé. Ecco, Manzini ci mostra un uomo che prende coscienza di sé stesso controvoglia, perché altri, che poi altri non sono perché sono parte di lui, gli sbattono in faccia la realtà. Sbatte violentemente il suo già ciancicato faccione contro le macerie che lasciano i tradimenti, capire chi tradisce chi, è una ulteriore prova della bravura dell’autore, la polvere che sollevano le macerie rende difficile vedere le cose come stanno. E’ amaro, è intriso di dolore, per questo parlavo di fatica, allo stesso tempo è pieno d’amore, amore a tutto tondo, quello che Dante diceva move il sole eccetera. Insomma Me cojoni per davero. Per concludere una citazione che capirà chi ha letto il libro, con gli altri ci si rilegge poi. “Lupa Pappa Lupa No” La quarta parola, la più importante, scopritela voi.