Archivio | I sassolini nella scarpa RSS feed for this section

Io il sangue e lo star bene

14 Lug

Avete mai sentito le persone che fanno beneficenza o volontariato, dire che è una cosa che fa star bene? Ecco la stessa cosa succede quando vai a donare il sangue. Mi ricordo ancora l’emozione di quando ho cominciato, già da anni accompagnavo il mio babbo e mi piaceva vedere quelle facce sorridenti, sapevo di volerlo fare anch’io. Allo scoccare dei 18 anni ho fatto la mia prima donazione, coccolata tenuta in palmo di mano (sono uno 0 negativo), e gratificata. Sapevo che quella sacca che a me non costava nulla dare, per qualcuno faceva la differenza, a volte addirittura fra la vita e la morte. Sì è una specie di senso di onnipotenza. Appena arrivata a Milano, una delle prime cose che ho fatto è stata cercare in quale ospedale andare a fare le donazioni, il Policlinico era perfetto. 9 anni senza un problema, poi mi sono spostata a Reggio Emilia e non ho avuto il tempo di andare, ma vabbè, pazienza. Ho fatto una donazione estemporanea a Napoli, nel 2015, c’era il pulmino e prima di entrare a Santa Chiara mi son fermata, tutto perfetto, mi hanno mandato gli esami con tanti ringraziamenti per la donazione fatta. Poi sono tornata a Milano e volevo ricominciare, ahimè, mi è sorto un problema di ipertensione (con relativa terapia che secondo i protocolli del policlinico non era compatibile), ovviamente ci son rimasta male, ma la salute viene prima di tutto e me ne sono fatta una ragione. Poi mi hanno cambiato terapia e ho chiamato per verificare, questa era compatibile e siamo partiti con gli esami di idoneità. Un problema di globuli bianchi alti (documentato dal 2007) e mai ritenuto un problema, è diventato un possibile linfoma. Potete immaginare l’ansia di sentirsi dire che mi stavano già aspettando in reparto per il prelievo del midollo? Per fortuna gli altri esami lo hanno escluso ma la dottoressa, di cui sono fortemente indecisa se fare il nome, ha deciso che siccome sono una fumatrice, nonostante riscontrasse l’assoluta mancanza di patologie, ha continuato ad escludermi. Oggi ho trovato un altro medico, più anziano della spocchiosa signorina, che alle mie rimostranze fra l’altro, mi ha accusata di aver voluto approfittare della sanità facendo una caterva di esami anche molto costosi, questo medico ha guardato gli esami degli ultimi anni, mi ha visitata e fatto un’anamnesi coi fiocchi, mi ha detto gentilmente che se riesco a smettere di fumare è meglio (sapendo che stava dicendo un di più, lo so benissimo da sola) e poi mandandomi a fare il prelievo e la donazione. Io non so chi avrà bisogno della mia sacca, se un bianco un nero un latino, un tossico o uno che è stato coinvolto in un incidente, una persona per bene o un delinquente, non lo so e non mi interessa, il sangue è vita e se puoi dare un pezzetto di vita a chiunque, lo fai, è un dovere, è un piacere.  Mi è arrivato un messaggio in pvt, da una persona che a volte ha bisogno di sangue, un’amica, non avrà mai il mio perché siamo in città diverse, ma quel grazie è il più bel vaffanculo che potesse arrivare alla giovane spocchiosa dottoressa, mi auguro che non abbia mai bisogno, né lei né un suo caro, ma il vaffanculo resta, con tutto il cuore.

Potrei esimermi, ma perché? Il mio saluto a Paolo Villaggio

3 Lug

Avrei potuto anche fare a meno di scrivere queste due righe, ma tanto che mi frega, se ne avete voglia le leggete altrimenti fate a meno. Ho incontrato Villaggio un paio di volte, a pelle risultava scostante, poi lo ascoltavi e capivi che in fondo era quello che voleva sembrare (o era, certamente io non lo saprò mai e poco mi importa francamente). Faceva ridere? Non lo so, non credo fosse quello il suo intento, certo la risata amara te la strappava per forza, ma ad avere voglia di andare appena un pelo oltre credo che il suo fosse il “disprezzo” di chi sa o pensa di essere in qualche modo diverso, forse migliore o forse no, ma di sicuro diverso. Era uno che non aveva paura di dire pubblicamente quello che la maggior parte della gente dice solo a pochissimi intimi. Potrete ripetermelo mille volte che per voi un handicappato è uguale a voi, non vi crederò mai, so praticamente con certezza che nell’intimità dei vostri nuclei familiari o amicali, il cieco o quello in carrozzina, sarà comunque uno che vi passa davanti nella fila, attenzione, questo non significa che non gli portiate lo stesso rispetto che portate agli altri, ma è umano che sia così. Lui aveva il coraggio di dirlo, ammetteva (non so quanto compiacendosi dello “scandalo”) di essere una carogna, uno che a suo tempo insieme a Faber tirava i sassi al frocio, di dire che i gay hanno un’anomalia genetica, e non avete idea di quante persone pensino e dicano le stesse cose in privato, salvo poi dire che il matrimonio gay è un diritto sacrosanto. Paolo Villaggio non era uno qualunque, è stato uno che ha scritto una quindicina di libri, non solo quelli di Fantozzi, ha lavorato con i più grandi, è stato un grande. Anche nel suo essere volutamente o no, stronzo, anche nel suo essere diverso. Quindi grazie per quanto mi riguarda, e adesso vadi ragioniere e non facci caso a quello che diranno di lei.

Torino Milano 1 a 1 palla al centro, ovvero lunga vita alle cose belle

25 Mag

Una premessa è doverosa, vado al #SalTo da anni e per me è casa, nel senso più ampio del termine, un posto dove sto bene dove ci sono amici dove sono a mio agio insomma. E così resterà spero per molti anni a venire. Va da se che avendomi piazzato Tempo di libri a 4 minuti di treno più 4 di tragitto casa stazione, ho goduto non poco. Detto questo, leggendo articoli sui giornali, inserti  resoconti per tacer dei social, mi sembra che si stia facendo una gara tipo caserma, a chi ce l’ha più lungo. Visto che parliamo di quello che dovrebbe essere il mondo della cultura e della politica, permettetemi di essere quantomeno sconfortata. Partiamo subito coi numeri così ci leviamo il pensiero, se vi sembrano numeri a caso rifletteteci su un attimo. Sindaco di Torino Chiara Appendino, votanti movimento 5 stelle 202.000 (ricordatevi questi due dati) e adesso i numeri delle manifestazioni. Spazio espositivo Torino : 4 padiglioni + 1 – Tempo di libri : 2 padiglioni (i padiglioni di Milano sono circa la metà di quelli di Torino, parliamo di mq).  Visitatori approssimativi, faccio una media fra quelli che ho trovato : Salone 140.000 – Tempo di libri: 73.000 Tempo di preparazione: Torino 12 mesi – Milano 6 mesi Espositori Torino 469 + 300.

Facendo un riassunto, direi che possiamo sintetizzare dicendo che Milano aveva metà spazi, metà tempo e giustamente ha avuto metà visitatori. Leggere di gente che esulta perché Milano è stato un flop, mi fa prima ridere e poi pensare che siamo messi male, molto male, in primis con la testa, e a seguire con la logica.  Fatte queste doverose spunte, questi conti della serva per così dire, passerei a una disamina dei punti a favore e contro delle due manifestazioni.

1 – L’organizzazione è stata ottima per quanto riguarda Milano, un po’ meno a quanto sento, Torino. Personalmente non ho avuto problemi né all’una né all’altra, ma ho visto e sentito di code ai controlli, ora non è che io voglia insegnare niente a nessuno, però se tu sai di avere (cifre a caso) 10.000 addetti stampa e 50.000 persone che hanno fatto o devono fare il biglietto, mettere un solo sportello per gli accrediti e 8 per le altre tipologie di entrata, mi sembra già un passo falso (è stata la mia unica coda), ma transeat, ci può stare (no in realtà no).

2 – Organizzazione degli spazi, Milano avvantaggiata dalle dimensioni, ha permesso di avere una panoramica più ampia, di vedere meglio tutti gli stand, Torino ti obbliga a fare delle scelte, inevitabilmente salti qualcosa (molto), ma ripeto era una questione di dimensioni fisiche.

3 – Accoglienza, qui il tasto si fa dolente, se è ben vero che anche qui le dimensioni contano, devo dire che Milano ha previsto delle specie di panchine, e dei punti in cui era possibile appoggiare le chiappe e riposare un po’ i piedi (lo so sembra prosaico ma ahimé non tutti hanno 20 anni e qualche minuto di riposo ai cinquantenni e oltre, risulta gradito quando non indispensabile. Sui punti di ristoro si gioca una partita pressoché alla pari, anche se a onor del vero, Milano era più fornita con anche la presenza di spazi BIO (i flippati sono ovunque), prezzi che definire assurdi è fargli un complimento (in entrambi i posti) qualità e varietà del cibo, un po’ peggio Torino. Altro tasto dolente i bagni, fare la pipì a Torino è impresa epica (anche in Sala Stampa dove si forma comunque qualche coda, ma soprattutto la pulizia è decisamente sotto la soglia della decenza), a Milano code un po’ meno devastanti ma pulizia decisamente con standard più alti. Piccola parentesi per la Sala Stampa e comunicazioni, Milano surclassa Torino, forse per fare una buona impressione, con caffè servito, lunghi tavoli per le postazioni lavoro divisi dalla zona relax dove c’erano tavolini tipo bar, frigoriferi con acqua forniti da mattina a sera, buffet servito in orario pranzo e aperitivo serale fornito da Spontini con birre artigianali spillate al momento.

Capitolo eventi. Ecco qui direi che siamo alla pari per quanto riguarda il prestigio degli ospiti, sulle location Milano vince per la la tecnologia e la logistica, (a onor del vero negli spazi dedicati a a Tempo di libri, non c’è una sala da 600 posti, ma suppongo che quando crescerà, gli spazi disponibili, che ci sono, saranno resi utilizzabili), resta il fatto che il materiale usato per le tende divisorie che delimitano le sale di Milano – fra l’altro simpatica l’idea di chiamare le sale con i nomi dei font – è credo fonassorbente, o l’impianto acustico è strutturato in modo tale che le voci non escano all’esterno e il brusio dell’esterno non disturbi minimamente chi è dentro, a Torino non è proprio così scontato. I grandi nomi non sono mancati, ma qui abbiamo una seconda nota piuttosto dolente, anzi in tempi di terrorismo direi proprio grave.

Mi concentro su  due ospiti ugualmente “pericolosi”, a Milano, dove tutti quelli che io ho visto entrare sono stati percorsi dai metal detector, Nicola Gratteri, procuratore calabrese che da anni vive sotto scorta e lavora incessantemente contro la ‘ndrangheta, arrivato con 4 uomini di scorta, due in divisa e due in borghese, entrato non si sa da dove e uscito altrettanto discretamente senza firmacopie senza fermarsi neanche per sbaglio. A Torino, dove un sorridente esponente delle forze dell’ordine mi ha fatta passare senza nemmeno farmi aprire la borsa (che grazie a chiavi monete e quant’altro, ha fatto suonare l’inno alla gioia al metal detector), era presente per due giorni due, il mitico Roberto Saviano, idolo delle greggi, conoscitore per interposta persona di ogni scoreggia eventualmente rilasciata da esponenti di ogni ordine e grado della camorra, ha sfilato lungo tutti i corridoi con almeno una decina di poliziotti che lo precedevano scostando bruscamente chi stava passeggiando ignaro della venuta, circondato a pelle da altri quattro e infine seguito da una coda che gli proteggeva le spalle. Firmacopie di diverse ore allo stand Feltrinelli, ora a meno che non non fosse di materiale blindato, chiunque avrebbe potuto sparare a lui attraverso le pareti, ed eventualmente fare una strage che levati, anche solo buttando a terra un petardo in mezzo alla folla radunata in attesa di entrare al cospetto del vate, scatenando il panico. Per il grande pubblico, quello non elitario, va fatta una menzione d’onore a Sellerio, che ha radunato la classe dei suoi autori attorno ad un unico tavolo, e a Rizzoli che con de Giovanni Tonelli Francini Boni, ha fatto divertire in modo intelligente.

Last but not least, il discorso prezzi, fermo restando che la concorrenza è sacrosanta, aspettare che il tuo concorrente nuovo esponga il listino per poi dimezzare il tuo, a me se fossi un espositore, farebbe chiedere:” ma quanto mi hai ciulato negli scorsi 29 anni?”

Concluderei questo lungo articolo, mi scuso ma le cose da dire erano parecchie, dicendo che Torino ha confermato un trend che si è guadagnata in tanti anni (e che spero terrà per altrettanti) di onorata presenza, Milano ha fatto un esordio coi fiocchi alla faccia del flop.  Se si riuscirà a tenere fuori la politica e a ragionare in termini di business e spazio alla cultura, tenendo presente che cultura e povertà coabitano raramente e difficilmente, valutando soluzioni diverse per le date, smettendo di fare a gara, ma pensando solo al bene dell’editoria e della gente, in attesa di avere una corrispondente manifestazione anche al sud (si sussurra che potrebbe esserci un graditissimo esordio a Napoli), noi lettori appassionati, avremo delle soddisfazioni lungo tutto la pianura Padana.

Ultima annotazione, sui numeri che vi ho chiesto di tenere a mente, se Milano (Sala in realtà più che l’AIE) ne ha fatto una questione di prestigio cittadino, Torino ha beneficiato del popolo 5 stelle, sempre stando ai social, credo che mai in trent’anni, il Lingotto abbia visto tanti torinesi affollare il Lingotto al posto del Valentino (prova ne siano, ma non solo, i passeggiatori domenicali con cani e passeggini).

 

Sui ponti che uniscono e quelli che cadono

29 Apr

Sono giorni che ho la riflessione in testa, e pazienza se qualcuno penserà che sono una merdaccia, so che così non è e tanto mi basta. Da settimane leggo status e ascolto persone che stimo o che amo, sostenere a gran voce che la priorità è l’accoglienza, che i muri vanno abbattuti, che non si può guardare la gente morire senza intervenire. E io lo so che siete convinti, che siete nel giusto, che poi lo fate anche, non siete persone che parlano ma che agiscono, ahimè, c’è sempre un ma di cui l’amore (in generale, per il prossimo per la vita per le idee), non tiene conto. Quando le navi delle ong vanno sulle coste libiche a raccogliere dei disperati, non uso il termine rifugiati a ragion veduta, fanno un atto d’amore solo in apparenza. Quegli uomini che aspettano di partire erano molti di più, e tanti sono morti prima di arrivare in Libia, non avevano diritto allo stesso trattamento? Sì, probabilmente sì, ma sono stati sfortunati e sono morti prima, ma a quelli non ci si pensa. Quindi andiamo li “salviamo” in nome di un’umanità che speriamo di avere, poi una volta affidati alle cure di Giusi Nicolini (a cui va tutto il mio rispetto), ce ne dimentichiamo bellamente, salvo smadonnare chi per una ragione chi per l’altra, quando vediamo i servizi di Gazebo. Ecco io penso che dovremmo pensare al dopo. Molti, troppi una volta salvati vanno a morire sotto i treni in liguria, o sotto i tir, altri finiscono per strada, quelli a cui va bene a vendere libretti con le fiabe africane o braccialettini (personalmente mi chiedo chi li fornisca), gli altri a delinquere e dentro e fuori dalle carceri. Non è così che dovrebbe funzionare. Quasi fossero cani da raccogliere e poi lasciare in canile così non  muoiono per strada. Lo so, sembra che io abbia lasciato il cuore da qualche parte fra qui e Marte, ma non è così. Ovvio che se mi trovassi nella condizione di veder qualcuno che rischia di morire tenterei il salvataggio, ma il medico pietoso fa la piaga purulenta, e ahimè, si comincia a sentire l’effetto della cancrena. Chiudo ricordandovi che quelli a cui sono affidati istituzionalmente i “ponti”, sono gli stessi che hanno fatto costruire i ponti e i viadotti che sono caduti negli ultimi mesi. Si prega chiunque legga di non travisare nemmeno una parola perché faccio partire le denunce.

Eppure un filo c’è da Ricciardi a I Guardiani – Viaggio nella mente di de Giovanni

13 Apr

A suo tempo ci ho provato, in casa giravano i Gialli Mondadori ed è entrato qualche Urania, poi più grande ho provato con i mostri sacri Asimov  Dick ma niente, la fantascienza non mi ha mai preso. Quando ho sentito parlare di questo genere per il nuovo romanzo di deGio ho avuto uno svarione. Indovinate da soli com’è andata a finire? Bravi, il secondo svarione l’ho avuto quando sono arrivata alla parola fine. Inchiodata come una farfalla dallo spillo. Sarà per il professore ciancicato (stropicciato in italiano, ma non rende), questo Marco Di Giacomo che fa da padre alla nipote, che ambisce a tenersi la sua cattedra più per avere accesso alle biblioteche che per gli studenti, che cerca riscontri punti di contatto e verifiche alle sue ipotesi? Sarà Brazo, il suo assistente che per forza di cose è un pochino sbiellato anche lui, che poi come fai a non restare affascinata da un nome così (un nome antico da quanto ho capito, molto usato per gli adottati partenopei). O forse ancora e sempre Napoli, più affascinante che mai, di cui Maurizio/cicerone ci svela segreti che non avremmo mai immaginato, lo dice spesso che è una città stratificata, ma qui andiamo oltre, siamo in epoche e territori credo mai esplorati. Sì lo so che ci sto girando intorno, ma credetemi se vi dico che raccontare della trama senza rovinare il piacere di scoprire tutto pagina dopo pagina. Quindi veniamo al dunque, fantascienza? Sì, c’è ma è talmente plausibile la storia che anche chi non ama il genere, accetta tranquillamente il racconto. Spazio, inteso come spazio fisico in cui ci si muove, e tempo inteso come ieri, milioni di anni fa o eoni che non riusciamo nemmeno a immaginare. Il bene e il male certo, ci sono anche loro, solo che è praticamente impossibile distinguere chi siano i buoni e chi i cattivi. E rimane forte il dubbio che forse i cattivi non ci siano. Ok, non mi dilungo in nessun tipo di analisi perché i pezzi nei blog devono essere brevi, ma soprattutto perché volendo davvero parlare di questa storia, che per inciso è la prima di una trilogia, dovrei scrivere un libro e non ne sono capace. Una prova d’autore nel vero senso della parola, forse ha ragione de Giovanni quando si definisce un raccontatore di storie, fuori o meglio capace di entrare, in tante storie che esulano dalla catalogazione, che sono un concentrato di mille cose. Credo che sia difficile smentirmi se dico che sulla scena della letteratura nazionale (che insomma conosco benino), de Giovanni rappresenta una felice ed unica eccezione. Quando si sceglie di leggere un autore in genere si sa che tipo di storia si stia andando a scegliere, con lui no. Non delude qualunque cosa racconti e se lo stile è riconoscibile, è capace di stupire con la naturalezza di un gatto che fa miao.

 

Milano Napoli solo andata – Sicuri di essere nel giusto?

12 Mar

E qui apriamo una parentesi dolorosa, nel senso che mi fa male dover dire queste cose ma mi sarei rotta i cabbasisi di inutili dannosi e soprattutto stupidi campanilismi. Devo dire che anche le contraddizioni stanno cominciando a darmi ai nervi non poco. Amo Napoli, ci fosse una possibilità di lavoro è uno dei posti in cui mi trasferirei senza pensarci due volte, però vivo a Milano e amo anche la mia città, anche se non mi rappresenta più da un po’, se sta diventando una specie di Rio de Janeiro, lusso in centro (con clochard inclusi ma questo è un altro discorso), e le periferie che sembrano sempre più delle favelas. Napoletani fatevene una ragione, la Lega Nord è una forza politica come DEM come FI come il PD eccetera eccetera, e ha il diritto di andare a dire la sua dovunque. Il 1861 è stato un errore? Bene, sta di fatto che l’Italia è una, c’è poco da recriminare. Dividete i piani, se i tifosi del Verona vi dicono che puzzate e voi rispondete che Giulietta era ‘na zoccola, è un problema calcistico, non politico. Se  dite che la Juventus ruba (sic) non è che improvvisamente i sabaudi tolgono la residenza a tutti i torinesi di terza o quarta generazione. L’Italia è una, non attaccatevi a cazzate. Salvini è xenofobo, voi siete italiani , la cosa non dovrebbe riguardarvi. Voi siete accoglienti?, Bene fatevi due conti su quanti immigrati ci sono a Milano, non mi pare si possa dire che siamo respingenti. Avete una vaga idea di quanti napoletani (ma anche calabresi pugliesi siciliani) formano il tessuto sociale di questa città? E per restare ai fatti, avete un’idea anche vaga dei danni che vengono fatti (qui come a Roma) durante ogni manifestazione? Questo casino che avete tirato in piedi è ridicolo, avete lasciato che gli “antagonisti” ( a cosa poi lo sanno solo loro), vi strumentalizzassero. E ci sono riusciti benissimo. Ho letto cose che mi hanno fatto accapponare la pelle dette dalla gente. E ho sentito Salvini dire una cosa intelligente (ebbene sì l’ha detta). Ha chiesto perché contro la camorra gli antagonisti non fanno le manifestazioni. E a me sono venuti in mente Bassolino la Jervolino De Luca. A voi no? Bè, come si dice a Milano, ascolta un pirla, preoccupatevi di continuare a proteggere Napoli, di proseguire a mantenerla quello splendido gioiello che è di arte cultura natura cibo, e a ripulirla dalla spazzatura incistita, no non quella che va nei cassonetti, ma quella che infesta la testa della gente. Perché se tu prepari il foglio di via a uno che consideri razzista, forse devi rivedere il tuo status, forse non sei esattamente immune al virus.

Cui prodest 4 anni dopo

20 Feb

palmeQuattro anni fa aprii questo blog con un articolo in cui mi chiedevo appunto “cui prodest”, naturalmente non ho avuto risposte – non che me le aspettassi – ma oggi ripropongo la domanda su tutt’altro argomento. Ebbene sì, le famigerate povere palme in piazza del Duomo a Milano. Prima un paio di precisazioni. Le palme non mi hanno fatto niente, mi piacciono anche in contesti che io, ritengo adeguati. Un lungomare, un lungolago un giardino, anche una piazza perché no, ma sempre vicine all’acqua, potenza delle suggestioni infantili per cui le palme erano gli alberi delle oasi. Sui banani prossimi venturi mi taccio. La storia che le palme a Milano c’erano già nell’800, allora, primo, chiedetevi perché non ci sono più, forse tutto sto successo alla fine non sono state nemmeno quella volta, secondo, o le foto le mettiamo a ragion veduta, o facciamo a meno, quella volta lì, le palme erano due dicesi due, in vaso, alte forse 1 e 60 a completare due aiuole fiorite (suppongo, trattandosi di foto in BN). Oggi parliamo di 24 palme alte normali (vado a occhio siamo ben oltre i 2 mt) e messe in fila come soldatini alle spalle del monumento equestre. Garantisco che l’effetto è diverso. Sorvolo su quante cazzate, passatemi il termine ma sono arcistufa di sentire chiunque argomentare su tutto, del tutto a sproposito, quindi ripeto, sorvoliamo sul fatto che al Comune non son costate nulla (c’è lo sponsor), che non sappiamo se fra tre anni quando la sponsorizzazione avrà fine, sarà ripristinato lo stato dell’arte a spese dello sponsor o di chi. Sorvoliamo sul fattore estetico climatico e compagnia, ma che davvero volete farmi credere che a nessuno dei coinvolti, archistar, sovrintendenza, giunta comunale, sindaco e non so chi altro, non è venuto in mente che taluni soggetti, e non voglio neanche chiamarli parti politiche, avrebbero cavalcato la palma per soffiare sul fuoco del razzismo dell’intolleranza dell’ignoranza? Dai non ci credo, Siate onesti, ammettete che il progetto è stato scelto sapendo quali conseguenze avrebbe portato, e avete colto la palla al balzo per soffiare sul fuoco a vostra volta. Lo sapevate, vi fa gioco in questa politica sporca che di politico non ha più nulla. Che sapevate esattamente cosa sarebbe successo e avete pensato che tutto sommato, il milanese imbruttito si poteva distrarre con le palme, così che non si accorgesse dei clochard che aumentano di giorno in giorno, che bivaccano in quella stessa piazza. Non si sarebbero accorti che avete avallato la decisione di ridurre le corse dei mezzi pubblici, che su quelle palme stazionano nebbia ma soprattutto smog grazie all’incapacità di gestire una situazione che ormai è allucinante. Le palme verdi su sfondo grigio, stridono, date retta

E anche Augias dovrebbe forse mollare – de Giovanni in tivù – Quante storie

17 Feb

16807156_1285655564859244_5019747017224832980_nPremesso che ho sempre amato Corrado Augias, non come autore di gialli, francamente noiosetti anche se ben scritti, ma come uomo di cultura, autore di “saggi romanzati” su temi profondi e complessi. Oggi a malincuore devo dire che forse è ora di mollare il colpo, di lasciar stare o se proprio vuole continuare a parlare di libri al grande pubblico della tv, scelga dei collaboratori che siano in grado di fornirle notizie esatte sui libri che presenta. E lo so, ma ormai lo sapete anche voi, quando mi toccano de Giovanni sbarello come se toccassero un membro della famiglia. Ecco dottor Augias, presentare Pane per i Bastardi di Pizzofalcone  (insieme all’ottimo Montanari ma ve ne parlo dopo), è stata un’ottima idea, per mille motivi, primo fra tutti portare alla trasmissione e a Rai replay, un consistente numero di telespettatori, ma per favore parliamone correttamente. I “gialli napoletani” come lei li ha definiti, sono romanzi lievemente più articolati di quelli che lei ha descritto, stiamo parlando di Storie di persone come potrebbe essere il suo vicino di casa, che incidentalmente fanno i poliziotti. Parliamo di 5, o se vogliamo aggiungere il singolo “Il metodo del coccodrillo” 6, romanzi che raccontano le vite sgangherate di gente normale, una donna che nonostante l’amore infinito che prova, non sopporta più il figlio autistico, di un poliziotto accusato ingiustamente di essere colluso con la mafia, che per questa accusa ha perso la moglie e rischiato il rapporto con la figlia, parliamo di un uomo che ha problemi a gestire la rabbia, quanti ne conosciamo, di una donna che non riesce a parlare della sua omosessualità al padre che si aspetta schiere di nipoti. Non vado oltre per non tediare i miei pochi ma amati estimatori, però è di questo che stiamo parlando, è di queste persone che de Giovanni scrive, non di “autentici figli di”. Su Ed Mc Bain non  mi esprimo, e se avesse letto i Bastardi, e tutti i romanzi dell’ 87mo non si sarebbe espresso nemmeno lei. E adesso veniamo velocemente a Montanari, questo suo ultimo Sempre più vicino, non l’ho ancora letto e quindi non posso sapere se lei lo abbia letto o meno, oltre al fatto che ho trovato francamente brutto, usare le provenienze geografiche per fare il giochino del nord sud. Per fortuna sia Montanari che de Giovanni sono due SIGNORI e le hanno salvato la puntata. Ci pensi dottor Augias, non è la prima volta che scivola e la pensione non è poi così brutta come la dipingono.

#IBastardidiPizzofalcone e una voce (un po’) fuori dal coro

8 Feb

 

bastardi-1-2-2Ovvero qualche consiglio ALLA regia invece del solito contrario. La premessa necessaria è che ho letto ogni singola riga scritta da de Giovanni,  credo che festeggiamo (oddio io festeggio, lui magari meno 😉 ) i 6  anni di amicizia ed ognuna di quelle righe l’ho amata. Amo profondamente tutti i suoi personaggi, perfino quelli che mi stanno antipatici, li ho visti crescere quasi contemporaneamente all’autore (ho detto quasi e non sono certo la sola, mica che poi si pensi che millanto) e ho atteso questa serie trepidando. Chi legge, sa che inevitabilmente qualcosa cambieranno, i personaggi hanno un volto e una voce per ogni singolo lettore, quindi il rischio che il casting ti possa deludere c’è, sai che mille sfumature non potranno mai essere rese da una telecamera, in un libro leggi anche i silenzi, in un film no. Detto questo, mi è piaciuta? Sì quasi del tutto. La mia fortuna è che nella mia testa e nei miei occhi, la Piras Letizia frate Leonardo o Palma, avranno comunque la faccia che io ho pensato per loro quindi se anche qualcuno non corrispondeva alla descrizione, mi è scivolato abbastanza. Non sono una critica televisiva e non entrerò in particolari che non mi competono, forse le storie si potevano sviluppare diversamente, di sicuro de Giovanni le ha pensate e scritte in altro modo, perché dicessero di più, perché andassero oltre la trama gialla, ma nell’insieme mi sono arrivate come lui le ha scritte, c’erano comunque cose che  non potevano essere trasposte. In questo caso specifico credo che sarebbe più esatto dire che è stata fatta una riduzione televisiva. Rimane però un fatto, fare 7.000.000 di spettatori per 6 puntate 6, vuol dire avere fatto qualcosa di bello, di buono, qualcosa che con i dovuti distinguo è arrivato. Non stiamo parlando di un film, stiamo parlando di una serie televisiva. E veniamo ai consigli di cui sopra, miei amati attori, e dico così essendo una fedelissima di Un posto al sole (da cui vengono parecchi di loro), io so che siete bravi, vi conosco ma fatevi un regalo, leggetevi i libri oltre che il copione, andate a fondo di ogni personaggio. Sono figure che non hanno prezzo, hanno sfaccettature che ogni attore vorrebbe trovare nei personaggi che interpreta, non piegatevi a imposizioni della regia o della sceneggiatura. Faccio salvo Gassmann ma solo perché si è tolto un po’ di accento dopo la prima puntata (e perché comunque mi ha ridato il mio Peppino, prestandogli anche quei 20/25 centimetri), propongo una menzione speciale per Mariano Rigillo che ha reso il generale odioso come non mai. Faccio qualche esempio a caso, frate Leonardo non ha mai l’occhietto furbo, è convinto di fare del bene e quasi gli pesa quello che fa. Romano nei romanzi non ha più scatti d’ira nei confronti di nessuno, li ha persi perdendo Giorgia. Per ultimo Carlei, regista di peso e di pregio che si è lasciato sfuggire forse un po’ troppe piccole cose, una su tutte, se a Paolo Romano (che ha interpretato un uomo davvero brutto) viene naturale uno spiccato accento piemontese (che vista la tensione del ruolo ci stava tutto), cosa ti costa cambiare il particolare della provenienza (Bergamo). Lo so sono sciocchezze che se al grande pubblico sfuggono, al lettore attento stridono. Quindi ricapitolando, ho visto le cose che non andavano, ma mettendo sui piatti della bilancia i pro e i contro, direi che i primi pesano un bel po’ di più, e il merito è delle Storie, di quei personaggi che de Giovanni ha creato, quelle Storie che comunque sia, ti colpiscono al cuore. In attesa di vedere se i consigli alla regia servono, resto in attesa del prossimo romanzo, perché i film passano ma i libri restano,  e quello che de Giovanni ci regala con le sue Storie, diventa parte di chi legge e lo resta, indipendentemente da quanti film ci possano fare.

Maurizio Lupi, I Bastardi di Pizzofalcone e l’amore ma non solo

3 Feb

Di solito non scrivo per prendere like o plausi, scrivo i miei articoletti per il piacere di condividere emozioni. Stavolta lo faccio chiedendovi di leggere e se siete d’accordo condividere, ma chiedo anche a chiunque abbia un profilo twitter, di farlo menzionando l’account di Maurizio Lupi. @Maurizio_Lupi

In grassetto il testo dell’interrogazione parlamentare.

“È troppo se chiediamo alla Rai di Campo dell’Orto di tenere la propaganda della sessualità libera, sia essa etero o omo, fuori dalla prima serata? È proprio necessario che in qualsiasi trasmissione, sia un talk show, un festival canoro, una produzione di Rai Fiction quale che ne sia il genere, commedia o poliziesco, debba contenere scene esplicite di sesso omosessuale?. Sì “onorevole”, è decisamente troppo e soprattutto la domanda è  confusa, le creano problemi le scene di sesso in generale, come si evince dalla prima domanda, o solo quelle di sesso omosessuale come specifica nella seconda? Capisce lei stesso che la distinzione è fondamentale perché nel secondo caso lei implicitamente rifiuta dei diritti garantiti per legge anche alle coppie omosessuali, francamente credo che da un parlamentare questa sia una cosa che non è accettabile. Possiamo poi discutere anche del termine esplicite, mi pare evidente che se considera esplicite le scene contenute nella fiction che nomina dopo, ma allora dovremmo considerare tali anche quelle che vediamo su RAI3, nella serie Un posto al sole” o per restare nel poliziesco, quelle che si sono viste nei film dedicati a Montalbano.

La signora che ha scritto ad Avvenire denunciando la gratuita, non giustificata cioè dall’intreccio narrativo, scena di sesso tra due donne che ha scandalizzato sua figlia nella puntata del 23 gennaio della serie ‘I bastardi di Pizzofalcone’ ha ragione da vendere. Non so ovviamente che professione svolga la signora che lei chiama in causa, ma mi viene difficile capire come possa considerare gratuita la scena in questione, che in realtà è legata ad una delle trame che sono parte integrante dei romanzi. Fra l’altro onde evitare delle figuracce, per il futuro le consiglio di leggere i libri di cui intende parlare, anche se lo fa riferendosi alla trasposizione televisiva.

A quell’ora i bambini davanti alla televisione sono tanti. Dovremmo intenderci sul termine bambini, la scena a cui lei fa riferimento, almeno credo, è andata in onda oltre le 22, un orario in cui i bambini, in un giorno feriale, dovrebbero forse essere a letto a riposarsi per la scuola del giorno dopo e non certamente davanti alla televisione, tanto meno a guardare un prodotto che per sua natura, e non è questo il caso, può includere cadaveri, morti violente e altre amenità che personalmente non ritengo adatte a dei bambini. Forse invece di pensare a farle giungere le sue vibrate proteste, la signora farebbe bene a preoccuparsi di come sta educando la bambina.

Fino a quando noi cattolici, ma chiunque ancora creda nella funzione educativa della famiglia, dovremo finanziare con il nostro canone l’incontinenza visiva e le pulsioni ideologiche e non solo di registi e autori pagati con il denaro pubblico?”. Lo dovrete pagare ahimè fino a quando i governi che sostenete promulgano leggi che obbligano a farlo. Le confesso però che l’incontinenza visiva, riguarda solo ed esclusivamente chi non usa il telecomando, e la invito a riflettere sul fatto che trovare pulsioni ideologiche in un libro o un film giallo, è un esercizio che nemmeno i migliori funamboli possono trovare fattibile.

Concludo con un invito, legga Lupi, regali alla signora la serie completa dei Bastardi, eviti e faccia evitare a chi crede nella funzione educativa della famiglia, di guardare un prodotto tratto da un libro senza averlo letto, senza sapere davanti a cosa ci si sta ponendo. Vi si aprirà un mondo. Un mondo pulito, di storie in cui il sesso è parte dell’amore, lei ha figli e quindi la cosa non dovrebbe giungerle nuova, ma si può fare anche se non finalizzato alla procreazione, così, solo per amore.  Ma soprattutto rifletta e se può risponda lei a una domanda, fino a quando noi che non sbandieriamo la nostra religiosità, dovremo pagare perché i nostri parlamentari si preoccupino di cose così lontane dal benessere del Paese.  Si ricordi quando le verrà ancora chiesto di intervenire, di fare quel minimo di ricerca, quei soldi pubblici a cui lei fa riferimento, hanno prodotto questi risultati, se le par poco…“Un milione e mezzo di euro al mese per sei mesi dalla produzione solo per la logistica, alberghi, ristoranti, trasporti, che saranno nuovamente spesi per la più che probabile seconda serie. Un centinaio di operatori napoletani assunti per lavorarci. Immagini della città che arrivano a sette milioni di persone, un mare di messaggi e telefonate di gente che vuole venire a vedere da vicino, richieste di indirizzi precisi dei posti dove sono state girate le scene.” (copiato dal profilo di de Giovanni)

 

luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
sconsigliletterari

e scelti CONSIGLI. Dai libri all'Indice ai libri al Medio (@libri_al_MEDIO): digitus impudicus. Se l'inverno delle lettere viene, può la primavera essere lontana? (sem.cit. Shelley)

sonoaliena

Quando siete felici, fateci caso (Kurt Vonnegut)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

aurelioraiola

(no, non è uno scioglilingua)

Gli incroci della Zanca

Ogni giorno incrociamo le vite degli altri: riconoscersi e guardarsi con interesse

Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

massimocassani - i romanzi

Di verbi, sostantivi e pochi avverbi