L’intruso in libreria – mai iniziare un libro nel momento sbagliato

Quando ti arriva un libro è sempre una festa, finisci quello che stai leggendo e poi ti accomodi, siccome però non tutti i giorni sono uguali, capita che lo cominci e per qualche ignoto motivo (in realtà un motivo c’è ma lo capisci dopo), non riesci ad andare avanti, leggi una pagina, due ma poi ti blocchi. Siccome la cortesia di chiunque va rispettata, e nessun ufficio stampa è obbligato ad inviarti niente, se proprio un libro ricevuto ti fa orrore eviti di “recensirlo”, ma correttezza vuole che tu lo legga. L’intruso di Tana French (Einaudi) quindi, tornato sullo scaffale in attesa di un momento migliore. Nel frattempo leggevo in giro recensioni entusiaste (ora, questa cosa di non recensire se una cosa non ti piace, la facciamo in pochi, la maggioranza, almeno a che sappia io, quando riceve un libro ne parla bene e basta), lasciando da parte la mia etica comunque, mi è venuta la curiosità di capire perchè non riuscissi a proseguire, quindi l’ho ripreso in mano ed è andato giù una meraviglia. Trama perfetta e devo dire anche bella complessa, la poliziotta protagonista, mulatta e per di più unica donna nella Omicidi di Dublino, è una tosta. Parte con qualche debolezza, che te la fa stare subito antipatica, ma sa fare il suo lavoro e alla fine si riscatta alla grande, la vittima è molto più protagonista di quanto normalmente non lo sia il morto, per tutto il romanzo e il finale è davvero del tutto inaspettato. Bello, alla fine proprio un bel giallo. Ah volete sapere cos’era che mi “bloccava”? La lunghezza di alcuni dialoghi, sia con il suo partner sia con testimoni e indagati, che si intervallano alle elucubrazioni della detective Conway, nella prima parte del romanzo, superata quella (che attenzione, è solo la mia percezione), ribadisco che va giù bello liscio, appassionando anche.

Annunci

I Bastardi di Pizzofalcone siamo noi – Consigli di lettura

9788806233938_0_0_300_80Se ne son dette di ogni su questo libriccino (diminutivo affettuoso) composto in gran parte da foto di scena, un sacco di stronzate anche, se mi scusate il francesismo. Come di ogni fiction o film che si comandi, anche de I bastardi di Pizzofalcone si son fatte le foto durante le riprese, ora va da sé che se io produco (quindi investo del denaro) un prodotto faccio in modo di farlo rendere al massimo, se poi ho anche l’intelligenza di produrre un prodotto di qualità che per una volta non corrisponde a prodotto di nicchia, bè, fate voi. Alla CE arrivano le foto, l’autore è disponibile quindi ecco in libreria la Vita quotidiana degli amati Bastardi. Ho scritto consigli di lettura perché in quelle poche righe, de Giovanni ha fatto delle foto che nessuna macchina fotografica potrà mai fare. Ha dato voce ad ognuno dei Nostri. Parla Lojacono, Peppuccio parlano il presidente e Ottavia, parlano Aragona e Hulk, anche Alex ci dice chi è. Ognuno di loro ci racconta quanto sia difficile essere se stessi e far capire agli altri che ognuno ha dentro un mondo. A leggerli viene in mente quante volte ci si è trovati nei loro panni. Quante volte abbiamo trattenuto uno schiaffo che ci stavano levando dalle mani, o guardato con odio la persona che più amiamo al mondo. Quante parole abbiamo sussurrato alla foto di chi non c’è più, sottovoce abbiamo confidato i nostri più intimi pensieri a chi abbiamo nel cuore ma non ha più voce. Abbiamo guardato i colleghi o gli amici, essendo intimamente convinti di essere almeno un pochino migliori di loro. Chi non si è mai chiesto se i suoi desideri più segreti, quelli che non diciamo nemmeno a noi stessi siano “normali” o no. Io consiglio di leggere questo libro soprattutto a chi non legge, a chi conosce solo i bastardi della TV, sarete sorpresi di quanto diverse possono essere le cose viste dal di dentro, quanto di noi c’è in ogni personaggio. Quindi caro Maurizio fanne ancora di queste operazioni commerciali, fanne tante, con la cura e la bellezza che tu sai mettere in ogni parola. E voi che passate di qua, ditelo a chi non lo sa, che nei libri che tanto di più oltre alle parole. C’è la vita.

il 26 novembre appuntamento in libreria con Maurizio de Giovanni

In libreria dal 26 novembre 2013
In libreria dal 26 novembre 2013

È piccolo Dodo, dieci anni appena e anche se gli hanno detto che a scuola non deve portare i giocattoli, di lasciare a casa Batman non se ne parla proprio. Perché Batman non è un supereroe, non ha i superpoteri; è solo coraggioso, come il suo papà. Ed è sicuro Edoardo che il suo papà verrà a prenderlo, a portalo via da quel posto buio e freddo. Chissà cosa vuole quell’uomo che li ha portati via, ne ha paura anche Lena che è grande e gli ha detto che se lo accontentano forse non gli farà male. In fondo non lo sta trattando male, gli ha portato anche i sofficini da mangiare, erano freddi e a lui non piacciono freddi, ma aveva fame e forse l’uomo non è così cattivo. Magari è solo nervoso. E in ogni caso gli ha lasciato Batman.
Con Edoardo che parla con Batman, che rassicura e chiede rassicurazione, Maurizio de Giovanni ci accompagna nel Buio. Fino in fondo, fino a dove la luce non può arrivare perché le cose che illuminerebbe sono troppo crudeli per essere sopportate. Gli hanno contestato che nel libro precedente c’era troppa pioggia, e lui da maestro qual è ha infilato nel mezzo di un giallo che vira inesorabilmente al noir, una serata di maggio, piena di sole e di dolore, perché la penna di Maurizio è poesia intrisa di bellezza e dolore, ma non solo. C’è ironia nelle bonarie prese in giro fra colleghi, fra sbirri reietti. C’è rispetto nella silenziosa accettazione degli altri, nella spontanea collaborazione che il commissario Palma chiede proforma, perché i 6 Bastardi di Pizzofalcone hanno dentro il dolore e la vergogna insieme alla voglia di farsi vedere per quello che sono, persone. Un “vecchio” una madre “snaturata” una lesbica occulta, un violento e una macchietta; e imperscrutabile ma nemmeno troppo dietro gli occhi da cinese, Lojacono, un uomo solo che non vuole arrendersi alla solitudine. C’è anche l’allegria di un amore che forse sboccerà. Si intrecciano a fare da sfondo alla terribile vicenda narrata, le vite di questi uomini e queste donne, che vedono nello sguardo di un bambino brandelli della loro vita. E tutto questo de Giovanni lo racconta con – scusate l’ossimoro – una pesantissima leggerezza. Arrivi alle ultime pagine con un groppo in gola, con il timore che possa esserci la conclusione che non vorresti e trattieni il fiato fino alla parole fine. E subito dopo vorresti dimenticare tutto per ricominciare a leggerlo. Grazie Maurizio, per essere l’amico che sei, per essere quel meraviglioso inventore di storie, in cui tutti si possono ritrovare, nell’amore nella pena nella speranza e nel dolore. Grazie ai Corpi Freddi, amici insostituibili che hanno fatto sì che ci scoprissimo a vicenda.