Estate, cosa c’è di meglio che prendere al volo un Torpedone? Magari trapiantati

Lo conoscete Francesco Abate? Si dai, è quel sardo praticante che ha scritto insieme a Carlotto con Mi fido di te, poi ci ha fatto morir dal ridere con Mia madre e altre catastrofi e non solo. Ah è anche quello che su Fb ci racconta le sue disavventure da trapiantato. Sì è uno degli uomini che ha ricevuto una seconda vita (adesso è un po’ in pensiero perchè pare che i trapiantati abbiano una data di scadenza 😀 ). Uno dei pochi che ha il coraggio di parlarne col sorriso, un sorriso a volte velato di tristezza, quando ricorda Cinzia, la donna che lo ha rimesso al mondo, un sorriso divertito quando ci parla della sua vita con (mi pare) 15 pastiglie al giorno. Sorride e si sente quando parla di sua moglie di sua figlia di sua madre e di signora Corrias, ma anche quando ci racconta della fatica, sua e dei Fratelli, nell’affrontare ogni giorno una vita che deve essere davvero difficile, ma è vissuta come il regalo più grande. C’è un dolore terribile nelle sue parole, lo si intuisce solo però, c’è il dolore per chi non ce l’ha fatta, per chi ogni giorno condivide con lui/loro, la vita nuova. C’è un rispetto enorme per la vita, un rispetto che Abate manifesta con allegria, con grazia (e con Grazia), insegnandoci davvero tanto. Immancabile il Fratello che non c’è più e che molti di noi/voi, ricordiamo con un affetto immenso, il suo compagno di lavoro e di attesa, Severino Cesari. Lo so del libro non vi ho detto niente, ma voi state sulla fiducia e portatevelo in vacanza, o in tram se siete ancora al lavoro. Vi divertirete (molto), vi commuoverete (un po’), penserete e poi alla fine mi ringrazierete per avervelo consigliato, e ringrazierete lui per averlo scritto. Bè, perchè no, anche Einaudi che lo ha pubblicato.

Annunci

Ci siamo, penultimo episodio – avete anche voi la Ricciardìa?

Che strana parola confessione, si fa e si riceve. “Io confesso, ti confesso, lascialo stare, lascia che viva” Queste le ultime parole di padre Angelo, gesuita, padre spirituale di molti, amato stimato rispettato, eppure ucciso in un sabato di maggio, davanti al mare, nel posto in cui andava a meditare e pregare. Parole che si imprimono nella mente di Ricciardi, intrecciandosi con il pensiero della confessione che lui stesso sente di dover fare alla donna che ama, rischiando di perderla o peggio di condannarla alla solitudine. Un’indagine complessa che coinvolge l’alta società partenopea e come spesso accade ha radici lontane nel tempo. Ma non è questo che cerchiamo in de Giovanni, il giallista (che peraltro in questo romanzo è prepotentemente bravo), è sempre il pretesto. Lui lo sa e ancora una volta, la penultima ahinoi, ci da quello che vogliamo, cesella un gioiello di pregio. Difficile dire qualcosa di nuovo sui romanzi di de Giovanni, difficile descrivere qualcosa che è sempre uguale eppure diverso, migliore del precedente. Maneggia le vite dei suoi personaggi con la precisione di un chirurgo, un bisturi affilatissimo con cui individua le parti “malate” e le asporta, dando ad ogni capitolo un pezzo di vita in più a quegli uomini e donne che ormai conosciamo, di cui sappiamo le debolezze e la forza, quelle persone che gli affidiamo ogni volta che arriviamo alla fine, perchè ce li restituisca felici. Credo che si diverta de Giovanni a vedere le fazioni schierate, ognuna a immaginare come far finalmente di Ricciardi un uomo completo, che accetta l’amore e si lascia amare, a immaginare Maione finalmente pacificato con il passato, il dottor Modo un po’ meno randagio. Credo anche che lui sappia cosa fare, lo dimostra in questo Purgatorio, che porta inevitabilmente ad un inferno o un paradiso. Qualcosa di indefinibile che comunque ci rimarrà dentro.

Estate – qualche suggerimento di lettura male non fa – Consigli per gli acquisti

Non so se ve l’ho già detto, ma ahimè, Massimo Troisi aveva ragione. “Io sono una a leggere e loro sono milioni a scrivere”, va da sè che per quanto io possa leggere veloce (ma non troppo perchè mi piace anche godermeli i libri), più di quel tanto non si riesce a fare. Però siccome mi spiace lasciarvi orfani (manco avessi i followers della Ferragni), vi lascio qualche consiglio di lettura, o perlomeno i libri che ho sul tavolo in attesa di essere letti e/o recensiti.
Il 26 giugno, vale a dire fra 5 giorni, uscirà per Einaudi LUI, dai come lui chi? Luigi Alfredo Ricciardi – Il purgatorio dell’angelo. #deGiovanners e non, siete pronti?
Già usciti invece, sempre per Einaudi, l’esordio di un detective che per usare una parola pertinente al territorio, è un po’ balengo. Christian Frascella mette sul tavolo e sotto gli ombrelloni Fa troppo freddo per morire, definito un crimedy, secondo me vale la pena di dargli un occhiata anche attenta.
Poi per sfuggire al caldo e anche un po’ ai soliti clichè, propongo un tour un po’ fuori dalle solite rotte, Mas Nordbo ci porta in Groenlandia con La ragazza senza pelle. Un giornalista e una ragazza inuit in una storia gelidamente complicata.
Sentite anche voi forte e chiara la mancanza di Giorgio Faletti? Einaudi ci regala due racconti (usciti nel 2005 e 2008 in due antologie) raccolti in un volume. L’ospite. Non so voi, ma secondo me è un imperdibile.
Come dicono quelli veri, stay tuned, nei prossimi giorni altri consigli.

Era il 1962 su una spiaggia di Sorrento…de Giovanni e la macchina del tempo

Li aspettiamo di anno in anno, restiamo sospesi nell’ incertezza per mesi e poi finalmente arriva la fine dell’anno e sappiamo che i nostri dubbi saranno finalmente sciolti.
Aspettiamo lasciando i nostri amati ragazzi in un limbo. Poi via via che si avvicina il momento, dall’angolo in cui li abbiamo messi riemergono prepotenti, cominciamo a chiederci se Aragona sarà riuscito ad invitare a cena la bella Irina, se Pisanelli riuscirà finalmente a capire quello che noi lettori sappiamo e non possiamo dirgli. Ci viene un po’ di batticuore, lo stesso che prova Ottavia quando vede il commissario, quella sensazione di stare in bilico fra il dovere nei confronti di chi ha bisogno di noi e quello verso noi stessi. Insomma non so a voi, ma se i Bastardi di Pizzofalcone indagassero sul furto di una gomma da cancellare sparita dal tavolo del bidello, a me andrebbe bene lo stesso. In questo Souvenir ho percepito un cambiamento, che poi si sa che nei libri troviamo quello che ci mettiamo noi, mica solo quello che ci mette l’autore. Lasciamo da parte l’indagine che è un romanzo nel romanzo, un lavoro di deduzione che sembra semplice ma non lo è affatto, io ci ho trovato un cambio quasi impercettibile, come se avessero imboccato l’ultimo pezzo di strada prima del traguardo. Traguardo poi, quale? Quello che tutti noi, più o meno Bastardi nel nostro piccolo, inseguiamo sempre e comunque, che ne siamo consapevoli o no. Avere una vita che possiamo definire felice, qualcuno che accolga i nostri pensieri la sera, quando torniamo a casa con le brutture del giorno sulle spalle. Poter amare la persona che il destino ci ha messo davanti senza per questo perdere amori più antichi, la cui mancanza ci lascia lacerati. Poter aspettare il momento di lasciare questo mondo senza rimpianti, sapendo di avere fatto quello che dovevamo.
Souvenir, ricordo, qualcosa che con la sua fisicità ci riporti a momenti felici che teniamo nel cuore, questo fa de Giovanni, ci lascia ogni volta con qualcosa da tenere nella scatola dei ricordi preziosi, qualcosa che ci ricordi appunto che dobbiamo tendere alla felicità, per quanto ci possa costare. Lo fa da grande scrittore, da uomo che entra negli animi e li racconta con grazia, con la gentilezza che pochi hanno nell’affrontare l’altro. Una sola avvertenza, quando finirete di leggere Souvenir, il primo istinto sarà quello di prendere il telefono (se avete il numero) o di fiondarvi su messengers per poterlo insultare senza freni. Fatica inutile, lo sa che per qualche momento lo odieremo tutti, ma sono certa che saprà farsi perdonare incondizionatamente. Non dimenticatevi di tenere d’occhio la pagina facebook del fan club, Maurizio farà una diretta per rispondere a tutte le nostre curiosità. A questo link, anche se suppongo lo abbiate già visto, c’è un pezzettino di Souvenir letto da Maurizio

Rondini d’inverno – Sipario per il commissario Ricciardi

Quella finestra, anzi quelle finestre, una dirimpetto all’altra, come due volti, gli occhi che si guardano e le bocche che tacciono, ma dalle cui espressioni si possono intuire i pensieri. Si possono alimentare o spegnere speranze. Quelle finestre da cui si può vedere il cenno, leggere una parola detta senza voce. Dietro quelle finestre che ormai conosciamo come fossero quelle di casa nostra, si svolge il dramma, uno spettacolo orchestrato da un regista che tenta di adattare la storia ai suoi desideri. Su un altro palcoscenico intanto, la messa in scena della morte cambia odore, da quello della polvere di legno delle tavole, a quello aspro e ferroso del sangue e della cordite. Ed è sangue versato per amore. L’amore sì, ancora una volta è l’amore il protagonista. Ma ve ne parlerò fra qualche tempo, voglio lasciar sedimentare le emozioni, perché sono tante, come sempre del resto (anche se insomma, un qualcosina in più ce lo ha messo a mio parere). Vi anticipo che nonostante all’apparenza lo schema sia il solito, trama e sottotrame con i corsivi, qualcosa di profondamente diverso c’è. E vi linko anche la lettera pubblicata oggi dal Corriere del Mezzogiorno, riuscite a crederci? Ricciardi in persona ha scritto al suo creatore, sorprendente il contenuto della missiva, ma solo per i lettori distratti, i più attenti avranno una felice conferma. 🙂 Come sempre, grazie Maurizio.