L’importanza di “sti cazzi” – Antonio Manzini docet

Ammettiamolo, quelli che sostengono l’esistenza di una differenza sostanziale fra nord e sud, in fondo hanno ragione. Ce lo spiega Antonio Manzini nella sua ultima fatica (e non la chiamo fatica a caso ma ne parliamo poi); alzi la mano chi, vivendo a nord di Firenze, davanti a qualcosa di speciale, un gol spettacolare una vincita milionaria o che ne so, non ha esclamato “sti cazzi”. Tutti; e alzi la mano chi essendo di Roma o comunque laziale, non ha provato l’impulso omicida. Tutta ‘sta premessa per dire che quando ho finito Pulvis et umbra, ho esclamato “me cojoni” (che è l’espressione giusta per indicare meraviglia stupore e ammirazione). Dopo 7/7/2007 non avevo idea di cosa potesse inventarsi, mi aspettavo un romanzo bello, perché Manzini è uno di quelli che entrerà nella Storia, volendo potrei farvi i nomi degli altri scrittori che verranno studiati ma li sapete, certamente non mi aspettavo una botta del genere. In questi casi l’unica cosa che ti auguri è che non ci sia niente di autobiografico, ma è evidente che anche l’autore come tutti noi, ha provato almeno una volta sulla sua pelle quello che racconta. Si è inventato una storia che è cattivissima e allo stesso tempo di una dolcezza indescrivibile, ha messo a nudo quell’anima che credevamo di avere visto nel romanzo precedente. Le persone (e badate che non uso personaggi ma persone), cambiano, cambiano perché accadono delle cose, perché invecchiano, perché le ferite si rimarginano, perché arrivati ad un certo punto bisogna prendere coscienza di sé. Ecco, Manzini ci mostra un uomo che prende coscienza di sé stesso controvoglia, perché altri, che poi altri non sono perché sono parte di lui, gli sbattono in faccia la realtà. Sbatte violentemente il suo già ciancicato faccione contro le macerie che lasciano i tradimenti, capire chi tradisce chi, è una ulteriore prova della bravura dell’autore, la polvere che sollevano le macerie rende difficile vedere le cose come stanno. E’ amaro, è intriso di dolore, per questo parlavo di fatica, allo stesso tempo è pieno d’amore, amore a tutto tondo, quello che Dante diceva move il sole eccetera. Insomma Me cojoni per davero. Per concludere una citazione che capirà chi ha letto il libro, con gli altri ci si rilegge poi. “Lupa Pappa Lupa No” La quarta parola, la più importante, scopritela voi.

Annunci